finisterre

Chilometro zero: il significato del Cammino di Santiago

La cosa che sempre mi resterà impressa del Cammino di Santiago è l’alba, che potevo ammirare ogni giorno. Quante volte capita, a casa, di essere nella natura alle 5 del mattino, soli, e vedere il cielo colorarsi grazie ad una silenziosa palla di fuoco? Questa è la riflessione fatta mentre guardavo l’ultima, la più bella, al faro di Finisterre. Il mio consiglio per chi cercherà di raggiungere il km 0.

Cammino-di-Santiago-chilometro-zero

Cammino-di-Santiago

Il mio consiglio a chi parte per il Cammino di Santiago

Che dire…
A chi parte da Saint Jean Pied De Port vorrei consigliare di tenere lo zaino leggero. Non sono le cose materiali che contano. Senti quell’entusiasmo misto a paura che parte da dentro? È l’unica cosa fondamentale.

Impara a conoscere il tuo corpo piano piano e non lamentarti dei dolori… tanto per qualche strano motivo ogni mattina ti alzi e inizi a camminare.

Quando arrivi alle Mesetas hai due scelte, ascoltare chi ti vuole far paura e saltarle oppure ascoltare te stesso e affrontarle, io consiglio la seconda opzione aggiungendo un po’ di solitudine per riflettere.

E chi ha detto che non bisogna mai voltarsi indietro? Io facendolo ho visto paesaggi bellissimi e albe da togliere il respiro, però la mia ombra era sempre proiettata in avanti. L’importante è proseguire, mai fermarsi e mai tornare indietro.
Vai avanti.

Quando arrivi al km 100 del Cammino di Santiago e ti sale ansia perché i turisti non capiscono cosa stai facendo e tutto è di nuovo commerciale, non ti curar di loro ma guarda e passa. Guarda! Bisogna sempre osservare, ma poi passa. Tanto avrai vicino i migliori compagni di viaggio e di vita con cui arrivare alla meta.

Non ti dirò cosa significa arrivare a Santiago, alza il culo dal divano che ormai c’è la fossa, e vieni a vedere cosa ti sei perso fin ora. Non è una vacanza, questo ti cambia la vita in meglio.
Fallo ora. A volte i dopo diventano mai.

Arrivata a Finisterre la parola FINE mi angosciava. Ma poi ho visto davanti a me quell’enorme mare di possibilità e ho capito che il cammino te lo porti dentro, a casa, dove ti aspettano tante persone importanti. Io ora ho un bagaglio fisicamente più leggero ma molto più pesante e ricco di vita rispetto a due mesi fa. Sono pronta. Sono forte.

Un grande abbraccio a chi mi è stato vicino, è grazie a voi che ho potuto scattare anche questa foto al km 0 del Cammino di Santiago.
BUEN CAMINO NELLA VITA. — presso Finisterre the End of the World.

Articolo precedenteCammino di Santiago: Ecco come ho imparato a volare
Cammino di Santiago: come organizzare il viaggio passo passo post cover image

Cammino di Santiago: come organizzare il viaggio passo passo