Quattro giorni di trekking nella bellissima Val D’Ayas. Camminando su facili sentieri attraverseremo antichi villaggi Walser, circondati dalle più belle vette valdostane: il Cervino, il Gran Tournalin, lo Zerbion, la Testa Grigia, le tre cime bianche e i 4000 ayassini.  Raggiungeremo la vetta del Palon di Resy, uno splendido balcone sul massiccio del Monte Rosa con un panorama che spazia dalla gobba di Rollin fino alle vette dei Liskam e sui ghiacciai del Verra. Raggiungeremo la base delle morene della vecchia lingua glaciale e ci fermeremo a pranzare sulle sponde del bellissimo Lago Blu. L’ultimo giorno concluderemo il nostro trekking con una lunga passeggiata (quasi tutta in discesa) che costeggia il vecchio canale Ru Courtaud dove attraverseremo le 14 gallerie scavate nella roccia che incontreremo lungo il percorso.

Val d'ayas

Informazioni in pillole

Durata: 4 giorni

Livello difficoltà: Turistico/Escursionistico (facile)

Sistemazioni durante il trekking:  Rifugio Alpino ( 2066 m.)

Ore di camminata: 5 – 7 giornaliere

Numero di partecipanti: Min. 12 – Max. 16

Gli  itinerari non presentano nessuna difficoltà tecnica, sono percorribili dalla maggior parte delle persone. Si svolgono su sentieri escursionistici classificati “E”, su strade sterrate (in inverno diventano piste da sci) e per breve tratti su strade asfaltate. La difficoltà principale sta nelle tante ore di cammino giornaliere previste, quindi serve resistenza. Buona parte del percorso si svolge all’interno di boschi di conifere e anche in giornate particolarmente calde è possibile effettuare le escursioni senza restare esposti per molte ore al sole.

Il nostro programma

Giorno 1 (Pasti inclusi: Cena) – Giovedì 3 Giugno

Brusson – Rifugio Ferraro

Incontro con i partecipanti alle ore 09:30 a Brusson (davanti al bar ristorante “La Boule”, rue trois villages n. 56 Brusson) dove parcheggeremo le auto.  Trasferimento con autobus di linea (circa 12 minuti) a Champoluc dove avrà inizio il nostro trekking. 

L’itinerario è molto facile, si cammina su sentieri escursionistici e su larghe strade sterrate. Durante il nostro cammino incontreremo un caratteristico villaggio Walser, attraverseremo un  bosco di conifere  che ci porterà fino alla località di Crest per poi proseguire fino al lago Ciarcerio, bel punto panoramico sul Petit e Gran Tournalin, il Cervino e il vallone delle cime bianche. Dal lago inizieremo la nostra discesa verso il rifugio Ferraro che sarà il nostro punto d’appoggio per tutta la durata del trekking. 

Distanza: 12 km; Dislivello + : circa 900 m; Dislivello – : circa 450 m; Durata: circa 6 ore 

Giorno 2 (Pasti inclusi: Colazione – Cena) – Venerdì 4 Giugno

Rifugio Ferraro – Palon di Resy – Rifugio Ferraro

Raggiungiamo la vetta del Palon di Resy, fantastico balcone panoramico sul Monte Rosa e sui 4000 Ayassini. Arrivati in vetta, il panorama è grandioso in tutte le direzioni;  a nord la Gobba di Rollin, le tre cime del Breithorn, la Roccia Nera, il Castore, il Polluce, i ghiacciai di Verra , le morene glaciali e i rifugi Mezzalama e Guide d’Ayas. Chiuderemo il nostro anello scendendo in direzione dei laghi di Resy per poi rientrare in rifugio.

Distanza: 7 km; Dislivello + : circa 650 m; Dislivello – : circa 650 m; Durata: circa 5 ore 

Giorno 3 (Pasti inclusi: Colazione-Cena) – Sabato 5 Giugno

Rifugio Ferraro – Lago Blu – Rifugio Ferraro

Dopo aver ammirato dall’alto i ghiacciai del Verra, avremo la possibilità di ammirare da vicino le morene della vecchia lingua glaciale che oggi, purtroppo, è in fase di ritiro. Ci fermeremo a mangiare sulle sponde del bellissimo Lago Blu che sorge sulla parte laterale della morena destra del ghiacciaio. Se le condizioni meteo lo permetteranno, risaliremo un breve tratto della morena sinistra del ghiacciaio ammirando dall’alto la valle sottostante e i piani di Verra. Su facile sentiero rientreremo in rifugio per gustarci la nostra meritata cena.

Distanza:  8 km; Dislivello + :  circa 450 m; Dislivello – : circa 450 m; Durata:  circa 5 ore 

Giorno 4 (Pasti inclusi: Colazione) – Domenica 6 Giugno

Rifugio Ferraro – Canale del Ru courtaud – Brusson

Lasciato il rifugio cominciamo la nostra discesa in direzione di Saint Jacques, per poi risalire qualche centinaio di metri fino a incrociare il canale Ru Courtaud. Da qui ha inizio la nostra lunga e piacevole discesa su un facile sentiero  che costeggia il canale fino all’altezza dell’abitato di Barmasc. Da questo punto in poi il canale è stato interrato ma il sentiero prosegue fino al col de joux, e  in questo tratto si trovano le suggestive gallerie scavate nella roccia, lunghe fino a 200 metri.

Distanza:  22 km;  Dislivello + :  circa 560 m; Dislivello – : circa 1300 m;  Durata: circa 7 ore

* Gli itinerari possono subire variazioni in considerazione di eventi fisici e metereologici e della condizione psico-fisica dei partecipanti.

* I tempi riportati per ogni escursione sono del tutto indicativi e possono variare a causa di diversi fattori: soste divulgative, stanchezze partecipanti, pause più o meno lunghe per pranzo ecc.

* La salita al Palon di Resy sarà effettuata solo se le guide riterranno che l’escursione possa svolgersi in sicurezza (sentiero pulito da neve e condizioni meteorologiche favorevoli). In caso di condizioni sfavorevoli la meta dell’escursione sarà variata.

val d'ayas

Quota partecipazione

Quota a persona: 165€ 

La quota Include

  • Servizio accompagnamento di due guide escursionistiche certificate
  • pacco regalo con attrezzatura tecnica a sorpresa

La quota non include

  • Costo pernottamento in rifugio (per 3 notti) con formula 1/2 pensione con bevande incluse (60 € a notte, da pagare in loco)
  • Spese trasporto da casa per raggiungere il punto di ritrovo, e ritorno
  • Costo biglietto autobus urbano (tratta Brusson – Champoluc)

Iscrizione

  • Telefonicamente o tramite whatsapp al numero 3807853596 
  • Tramite mail scrivendo a :

Peppe: info@pampatrek.it

Marika: life.in.trek@gmail.com 

Termine iscrizioni: Entro e non oltre il 25 maggio (fino a esaurimento posti)

Informazioni  in più

Per il primo giorno consigliamo di portare il pranzo al sacco da casa. Per i giorni successivi è possibile acquistare dei panini in rifugio. Il secondo e il terzo giorno lasceremo parte dell’attrezzatura in hotel per camminare con uno zaino più leggero.

Sistemazione in Rifugio

Il  pernottamento sarà in camerate da 5/6 posti letto. Sarà possibile usufruire del servizio docce calde presenti nei quattro bagni ai piani. A tutti i clienti verranno fornite un paio di ciabatte e per chi lo desidera un telo doccia.

Attrezzatura Obbligatoria

Zaino, scarponcini (possibilmente non nuovi, ma già usati), scorta d’acqua (almeno 1,5 L), lampada frontale, sacco a pelo o sacco lenzuolo, giacca a vento con membrana impermeabile, 2-3 magliette maniche corte, 1-2 magliette maniche lunghe, 4 paia di calze tecniche, un pile o maglione, copricapo (sia da freddo che da caldo), guanti, telo in microfibra se non prendete il telo doccia in rifugio, crema solare, occhiali da sole, copri zaino antipioggia, smartphone ed eventuali oggetti tecnologici personali con caricatori, eventuali medicinali che si devono assumere ad orari stabiliti (es. pastiglie per la pressione, colesterolo ecc.…), piccolo beauty case.

Attrezzatura Consigliata

Bastoncini da trekking, binocolo, macchina fotografica, batterie di riserva per luce frontale, tappi auricolari per la notte in rifugio, frutta secca e/o disidratata, barrette energetiche, coltellino multiuso.

val d'ayas

Regolamento Comportamentale e Regolamento Emergenza Covid-19

Ogni partecipante dovrà leggere, accettare e impegnarsi a rispettare tutto ciò che è riportato nel regolamento pubblicato che trovi cliccando qui.

Comunicazioni alla guida

E’ una buona usanza comunicare alla guida, in fase di prenotazione, eventuali problemi di salute, allergie ad animali o erbe, problemi alle ginocchia o caviglie, situazioni di salute particolari che la Guida dovrebbe sapere per gestire al meglio la giornata ed eventuali situazioni di soccorso. (Consigliato un tampone, anche di quelli rapidi, comunicare eventuale diabete o interventi recenti, ecc). Ovviamente come dato sensibile non sarà divulgato in nessun modo a terzi o ad altri partecipanti del gruppo.