Roussillon e il Colorado Provenzale: tutte le informazioni

/ / Trekking all'estero

Pochi posti nel mondo mi hanno fatto tornare spensierata ed euforica come una bambina.
C’è un posto che più di tutti ha risvegliato la mia voglia di correre e saltare, noncurante degli sguardi attoniti di chi “queste cose ormai non le fa più”.
Viaggiare non è solo perdersi nei luoghi, ma farli propri, prenderne ciò che di bello trasmettono e portarli per sempre con noi.
Ti presento il Colorado Provenzale e il Sentiero delle Ocre di Roussillon.

roussillon
ITINERARIO DI 3 GIORNI

Siamo nella regione del Luberon, in alta Provenza.
Ho tenuto come base Roussillon, dormendo al campeggio Arc en Ciel che costringe a spostarsi in macchina ma è molto carino e tranquillo, immerso in una pineta.

A Roussillon, incantevole borgo tutto rosso, si può già avere un assaggio della terra dorata nel Sentiero delle Ocre.
L’ingresso è a pagamento (2,50 euro) ed il parcheggio giornaliero è proprio accanto (3 euro).

Per immergersi nel Colorado Provenzale, molto più grande e dispersivo, occorre spostarsi a Rustrel, paese prossimo al Parco Nazionale del Colorado Provencal.
Qui ci sono diversi sentieri che possono essere accessibili o interdetti a seconda delle condizioni climatiche, il rischio di incendi è davvero molto alto in estate per cui troverai persone gentili che ti daranno tutte le informazioni utili.

ROUSSILLON

E’ un piccolo borgo molto particolare che pone gli abitanti ad una condizione: le pareti delle case devono essere rigorosamente nei toni del rosso, a loro la scelta della tonalità migliore, ma il colore deve provenire dalle cave adiacenti.

Passeggiare e perdersi nei suoi vicoli è come fare un tuffo in un’epoca passata.
Si respira arte ad ogni scorcio.

Consiglio di visitarlo soprattutto al tramonto per godere della luce calda che esalta i colori attorno, mangia su una terrazza e goditi lo spettacolo che offre.

roussillon

SENTIERO DELLE OCRE – ROUSSILLON

Aperto 7 giorni su 7 da metà febbraio al 31 dicembre.
Costi: adulti 2,50 euro; gruppi 1,50 euro; gratuito sotto i 10 anni.
Sito ufficiale
GPS: 43 53 59 15 N – 5 17 52 562 E

Questo sito è piccolo, ben tenuto e fragile.
Bisogna avere rispetto e non uscire dal sentiero per non provocare l’erosione delle rocce e permettere così che continuino a stupirci.

Ci sono 2 percorsi, giallo e rosso.
Il giallo è leggermente più corto, ma proprio leggermente; io consiglio il rosso che è più completo e lascia scorgere ogni angolazione senza affaticare troppo.
La differenza è minima.

Lascia che i bimbi corrano liberi nella sabbia dorata e che si sporchino a dovere, ho anche visto cagnolini bianchi uscire mezzi gialli!

roussillon
COLORADO PROVENZALE – RUSTREL

Aperto dal 1 febbraio al 31 dicembre dalle 10-16 nella stagione bassa e dalle 8-19 in luglio e agosto.
Costi parcheggio: macchine 5 euro, minibus 12 euro, bus 30 euro, moto 2 euro, camper e roulotte 8 euro con supplemento di 4 euro per la notte.
Sito ufficiale
GPS: 43 919906 N – 5 499256 E

Qui ho letteralmente perso la cognizione del tempo.
Ho giocato come una bambina piccola, mi sono arrampicata, sporcata e divertita con la sabbia bianca, gialla e rossa del Colorado Provenzale.

A mio parere è molto più interessante del Sentiero delle Ocre, che è più “concentrato” in uno spazio ridotto mentre qui si ha più la sensazione di natura incontaminata.
Mi è dispiaciuto non poter fare tutti i sentieri per via del rischio incendio, ho fatto il percorso Sahara e l’ho trovato magnifico.

Lo consiglio a tutti nelle ore meno calde, io stessa sto pensando di tornarci presto.
E’ uno scenario a cui noi italiani non siamo abituati, lascia senza parole.

colorado provenzale
I DINTORNI

Il mio è stato un tour in quella che ho chiamato “La Via dei Colori“, per cui mi sono spostata a Gordes.

Se vuoi fermarti di più c’è molto altro da scoprire, come ad esempio:

♠ le Miniere di Bruoux a Gargas, ricorda di prenotare.

♣ la fabbrica Mathieu a Roussillon, dove estraggono e producono le ocre per fini artistici, consigliato in tutte le stagioni

♥ il museo geologico ad Apt, esposizione permanente di ocre, marmellate, archeologia locale, conferenze, attività per bambini…

AAA CERCASI TERRA

Ti ho dato tutte le informazioni in mio possesso, ma la condizione primaria per visitare questi luoghi è arrivare molto presto al mattino per non trovarsi in mezzo alla calca di turisti.

Ho amato queste terre e la via per arrivarci, piena di lavanda e girasoli a perdita d’occhio.

Lancio un appello, se dovessi andarci portami un pugno di terra, mi piacerebbe conservarla in un vasetto tra la terra del deserto del Sahara e quella dell’Etna.
Presa dall’euforia mi sono dimenticata della mia collezione, uff.

Qui sotto ti lascio il video dove potrai vedere di cosa sto parlando.

Non dimenticarti di me!

Qui trovi le altre tappe della Via dei Colori:

  1. Verdon Gorge tra trekking e canoa
  2. Camargue tra fenicotteri e mare rosa
  3. Arcipelago delle Isole Frioul e Castello d’If

5 Comments

  1. Pingback: Giocare come bambine nella terra dorata | La Via dei Colori | l'eta' della innocenza

  2. ciao non è che puoi mettere anche la condivisione con wordpress e complimenti

    1. Ciao! mi spieghi come si fa? Eheh
      Pensavo fosse automatica

      1. non me lo ricordo adesso cerco di vedere

        1. Ok! Scrivimi sulla pagina Facebook se preferisci

Dì cosa ne pensi