Racconto perché camminare mi ha salvato la vita

/ / Consigli per iniziare

Mi sembra giusto, arrivata a questo punto, dirvi qualcosa in più di me.
Oggi vi racconto la mia storia, cosa mi ha spinto a camminare e perché l’ho fatto diventare qualcosa di pubblico.
La questione è stata maturata nel tempo, in diversi anni, dopo un evento che mi ha fatto crollare il mondo addosso.

Camminare - My Life in Trek

Gli uomini dell’occidente vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.
(Dalai Lama)

LA MIA STORIA

Mancava poco alla maggiore età e avevo tutto: fidanzatino, amicizie, scuola e una vita che scorreva in preda a ribellioni adolescenziali.
A quell’età avevo tanta energia che non sapevo assolutamente come far fruttare nel modo migliore, limitandomi a rimbalzare qua e là come una biglia lanciata con forza.
Nonostante questo io ero la sedentarietà in persona, il divano era il mio migliore amico.

Una sera ho sentito un fortissimo dolore ad una gamba ma non ho dato troppo peso alla cosa.
Il giorno dopo il dolore è aumentato e la gamba si è molto gonfiata, fino a diventare il doppio dell’altra.
Camminare normalmente era ormai diventata un’impresa titanica.

Il mio medico di base ha sottovalutato la cosa dicendo che probabilmente avevo un’infiammazione al nervo sciatico e che con massaggi ed antidolorifici sarebbe passato tutto.
La notte dopo l’ho passata sveglia a contorcermi dai dolori e anche le bombe chimiche di Aulin non mi facevano il minimo effetto.

Sono allora andata al pronto soccorso e dopo le mie 4 ore di attesa sono stata visitata.
Diagnosi: trombosi venosa profonda dovuta ad una mutazione genetica. Ricovero immediato.
Senza peli sulla lingua mi hanno detto che avrebbero fatto il possibile ma le probabilità di sopravvivere erano molto basse perché i massaggi avevano causato un distacco di un embolo che poteva entrarmi nel polmone o nel cuore a momenti.

E’ stato un bel trauma.

Sono stata portata in sala operatoria dove mi è stato infilato dalla giugulare un filtro per fermare emboli futuri.
Intanto, fortunatamente, l’embolo è entrato nel polmone e non nel cuore e, nonostante dicessero che mi sarebbe mancato il respiro (erano pronti con il defibrillatore attivo), io sono stata bene.

Trasportata in reparto mi sono stati fatti molti esami ed il peggio l’ho vissuto dopo che mi hanno dimessa.
Sono andata avanti 3 anni a farmi punture anticoagulanti due volte al giorno, causandomi grandi lividi su tutto il corpo.
Sono uscita come uno straccio dall’ospedale e ci ho messo parecchi mesi a tornare a camminare come prima.
Ogni movimento mi causava fitte di dolore e non riuscivo a fare due passi di seguito senza sentire la necessità di riposarmi a terra, ovunque mi trovassi.

I medici concordavano che avrei dipeso a vita da medicine, avrei avuto una gamba più grossa dell’altra, viola, non avrei più potuto prendere aerei, stare troppo tempo in piedi o camminare a lungo. (…)

Ho sofferto tanto.

Camminare - My Life in Trek

La parte divertente è che oggi non dipendo più da medicinali, ho un lavoro che mi porta a stare in piedi tutto il giorno, prendo aerei e vado anche in alta quota in montagna, con le mie gambe rosa.

Ho scelto di studiare naturopatia perché sono fermamente convinta che ci possano essere metodi di cura alternativi e meno traumatici per chi soffre, che possono affiancare la medicina tradizionale.
Medicina e naturopatia dovrebbero andare di pari passo per riportare i pazienti in salute e con una psiche ottimale.

Io comunque ne sono uscita più forte e sicura delle mie possibilità.

La soddisfazione grande è stata quest’anno, quando con la mezza gambetta e il polmone ferito ho percorso 800 km fino a Santiago de Compostela, per poi tornare comodamente a casa in aereo 🙂
L’ho fatto da sola, con le mie forze e ti assicuro che la gamba è rimasta rosa!

Camminare - My Life in Trek

Sentivo il bisogno di raccontare la mia esperienza una volta per tutte.
Mi sono sempre limitata a qualche accenno ma è servito del tempo per elaborare la questione, che ultimamente… voleva uscire!

Penso siano importanti sul web questo tipo di testimonianze.

Io sono la prova vivente che se vuoi qualcosa DAVVERO prima o poi la ottieni, con i giusti tempi.
Non conta troppo il parere altrui.
Non importa se cercano di spaventarti.
Tu sai cosa è giusto per te stesso, quindi fallo.
Insegui il tuo sogno e non ti fermare mai.

Invito tutti a condividere la propria esperienza, che può essere d’aiuto a chi è in una situazione di freno nella propria vita.
Per quanto mi riguarda io il freno l’ho tolto in modo definitivo con questo racconto.

Buon cammino a tutti voi.

Camminare - My Life in Trek

 

20 Comments

  1. Ho letto il tuo Blog bello vedere qualcuno che racconta una parte di sé importante, come te pure io ho avuto problemi di salute dopo anni sono riuscito a sconfiggerlo, amare la vita mi ha reso più forte e viaggiare era l’unica cosa che mi rende felice alleviando via lo stress..ti auguro tanta felicità e salute.

    1. Ti ringrazio per aver condiviso questa cosa con me, sono contenta che anche tu ti sia rialzato ☺

  2. …mi sono commosso… tutto qui…

    1. Che dolce! 😊 un abbraccio

  3. …mi sono commosso…

  4. Pingback: E’ ora di allenarsi! – My Life in Trek

  5. Bravissima, non bisogna mai farsi scoraggiare dai problemi. Sono fermamente convinta che se alleniamo la mente alla felicità di conseguenza anche il corpo reagirà positivamente :)..in bocca al lupo per i prossimi traguardi!!

    1. Ti ringrazio Chiara. Ovviamente la penso così anche io 😊 un abbraccio

  6. Pingback: Cosa porto a Santiago de Compostela? – My Life in Trek

  7. Pingback: Cammino di Santiago: cosa c’è da sapere – My Life in Trek

  8. Pingback: Come organizzare il Cammino – My Life in Trek

  9. Pingback: Come NON tatuarsi all’estero: la mia esperienza – My Life in Trek

  10. Pingback: Quanto costa il Cammino Francese – My Life in Trek

  11. Pingback: Val Formazza: tra Orridi, cascate e diga – My life in trek

  12. Grande Marika! Tanta ammirazione per il tuo coraggio , la tenacia e la voglia di vivere !!

    1. Ti ringrazio! 🙂

  13. Pingback: Cammino Francese: ma quanto costa?? - My life in trek

  14. Pingback: Dolori del cammino: come affrontarli - My life in trek

  15. ho avuto pure io una trombosi, trovata da me perche al pronto soccorso mi avevano detto che era un infiammazione, mi han dato degli antibiotici e mihanno rispedito a casa, io, sono uscito dall’ospedale e sono andato in un centro diagnostico li vicino, chiedendo di fare un ecodoppler, perche lo sapevo? mio fratello a 37 anni è morto per un trombo, la paura fa 90, fatta la visita a pagamento subito, diagnosi? TROMBOSI VENOSA PROFONDA ALLA VENAPOPLITEA MOBILE….CALZA ELASTICA E SUBITO AL TAO, e grazie a dio son qui, dopo 3 anni di Coumadin, oltre a punture iniziali e, sbagliate di dosaggio, ma per fortuna ridosate al centro TAO.
    Mi è rimasta la paura, il panico, son sempre a far esami, mi fa ancora male dopo 4 anni, ma la paura è forte….
    Volevo chiederti una cosa….
    Mi insegni a vivere?
    Ciao luca

    1. Luca capisco bene come ti senti.
      Anche a me con i dosaggi avevano fatto danni, pensa che dopo l’ospedale avevo perso i capelli in buona parte e pesavo 45 kg, cosa non del tutto risolta.
      I miei ormoni non sono più gli stessi, però sono viva e già questo mi spinge a dare il massimo.
      Non vivere sarebbe come accettare di essere morta quel giorno e non posso permettermelo.
      Ci sono persone che soffrono tanto per cose più gravi e che vorrebbero essere al mio posto quindi non voglio più permettere alla paura di limitarmi.
      Sono sicura che con volontà ce la farai anche tu, scrivimi quando vuoi

Dì cosa ne pensi