Lago Maggiore e Fornaci abbandonate: escursione in un dipinto

/ / Posti abbandonati

Il Lago Maggiore regala un ottimo panorama naturale, ma questa zona è diversa. Oserei dire “strana”.
Esploriamo le fornaci abbandonate del ‘700, ricoperte di moderni graffiti.
Ecco che un’escursione diventa un dipinto

Lago Maggiore - My Life in Trek

Lago Maggiore - My Life in Trek

Lago Maggiore - My Life in Trek

LE FORNACI DI CALDE’

Siamo sulla sponda lombarda del Lago Maggiore, in zona Laveno. Poco oltre, verso Castelveccana, troviamo la frazione Caldè.

Le fornaci sono ormai in rovina dal momento che sono state abbandonate nel secondo dopoguerra.
Qui veniva estratta ed elaborata la calce bianca (e non venivano fatti mattoni come dico nel mio video) e le prime costruzioni risalgono ad un periodo che va dal 1200 al 1700.

A vederle oggi non si direbbe siano così antiche.

Grazie a ragazzi che tanti indicano come raver e gente di quella pasta, quello che ora è il parco delle fornaci abbandonate, a ogni inizio stagione viene sistemato in mondo autonomo e di loro iniziativa, sotto concessione del Comune.

Oggi troviamo curiosi, ragazzi che fanno grigliate o tuffi in acqua e gente che passeggia in tranquillità.
La struttura era a ridosso del lago e oggi il percorso dura una decina di minuti, intervallato da diverse spiagge dall’aria selvaggia.
L’acqua è pulita, seppur fredda, ed è quindi balneabile.

Lago Maggiore

Lago Maggiore - My Life in Trek

I DINTORNI SUL LAGO MAGGIORE

Queste fornaci sono un perfetto esempio di archeologia industriale.
Sai che in questo blog parlo anche di luoghi abbandonati, trovo sia importante non dimenticare e salvaguardare questo patrimonio, soprattutto per preservarlo dal vandalismo.
Cosa che può fare la differenza tra un paese civile e no.

Io ti lascio un altro paio di immagini ma ti consiglio di guardare il video che ti porta per mano e ti accompagna attraverso ogni anfratto di questo posto pieno di murales molto belli e suggestivi.

Inoltre, nella seconda parte del video, c’è una piccola sorpresa.
Andiamo a visitare il tutto dall’alto, scoprendo altri posti nascosti davvero belli e di incredibile suggestione.

Lago Maggiore - My Life in Trek

Lago Maggiore - My Life in Trek

Dimmi cosa ne pensi 😉

  • Inserendo la tua e-mail affianco potrai ricevere una notifica ogni volta che pubblico un nuovo articolo. In questo sito troverai tanti spunti per uscire di casa!
  • Cliccando QUI accedi alla mia pagina facebook, così se vuoi scrivermi sarà più semplice.
  • Se pratichi attività outdoor e vuoi farti conoscere scrivimi, potrebbe nascere una bella collaborazione!

14 Comments

  1. Il paesaggio dei tuoi video,per quel che riguarda la natura,è sempre uno spettacolo.
    Mi piace un pò meno l’ambiente,(nel caso di questo luogo). Si vede che è stato frequentato da quelli che una volta (anni ’60/’70 ) si chiamavano “hippy”. Oggi non so come si chiamino.
    Spero,come dici tu,che recentemente qualcuno abbia pensato di risistemare il luogo. Noi ,qui in Italia,abbiamo una marea di siti che avrebbero bisogno di essere apprezzati,se non altro per via dei turisti che sanno apprezzare meglio di noi .
    Servirebbero dei cartelli descrittivi che spieghino alla gente la natura del luogo,la sua storia; ma evidentemente questo richiederebbe un impegno del comune ,anche finanziario e qui non posso metter bocca,come si dice…Anche un pochino di pubblicità non guasterebbe,attirerebbe gente che darebbe un ulteriore spinta a chi di dovere per risistemare il tutto.
    Continua a postare i tuoi viaggetti,prima o poi qualcuno vorrà imitarti e ci andrà. 🙂
    Sei spiritosa,intelligente e simpatica e con la tua allegria e spontaneità riesci a conquistare tutti.
    Buona continuazione quindi,vai ! (Y)

    1. Ma grazie! Questi sono i commenti che riempiono il cuore e danno motivazione ad andare avanti ☺
      Per il resto concordo appieno, soprattutto sul fatto che sarebbe bello mettere i cartelli con la storia del luogo.
      Apparte questo davvero GRAZIE

      1. E vedo che il mio precedente commento era qua…ahahah! Non importa,ora ne hai due 😀

        1. Ahah va bene così 😀

    2. Credo che Caldé sia bella anche grazie a quei graffiti che la rendono “vissuta”.. forse sarò di parte visto che ci ho passato la mia adolescenza in quelle fornaci! Ve lo giuro.. non passavo il tempo a drogarmi.. anzi.. grigliavo e facevo il bagno come la maggior parte dei ragazzi!
      In ogni caso sei riuscita a riportami a casa per un breve istante! Grazie!

      1. Grazie del bel commento federica, la penso come te. È un posto “particolare” 😉

  2. Bel servizio continua così

  3. Per quanto riguarda i paesaggi che hai visitato devo dire che son tutti molto belli e interessanti.
    Un pò meno questo luogo,che mi sembra un pò triste,si vede che è stato frequentato da persone che una volta si chiamavano “hippy”. Non è stato adeguatamente conservato ma se dici che recentemente è stato rimesso a posto…forse c’è una speranza…
    Non sapevo queste notizie,né la storia .
    Avrebbe bisogno di essere rivalutato adeguatamente,con cartelli che ne descrivano la storia…un pò di pubblicità non guasterebbe. In questo gli stranieri ci insegnano molto,noi non siamo abbastanza interessati…in questo caso il comune potrebbe intervenire anche finanziariamente ma sappiamo tutti che il questi tempi bui i soldi per i beni culturali non ci sono,anche per questo è triste.
    Quindi continua a viaggiare,a girare,prima o poi anche qualcun altro vorrà vedere e passerà parola e man mano i turisti arriveranno e forse qualcuno penserà a pubblicizzarlo .
    Sei brava a fare i video,sei intelligente, simpatica e spontanea…quindi continua così…vai !!!
    E tanti auguri Marika ! (Y)
    ps. Questa volta lo salvo,quello di prima era più bello 3:)

  4. Pingback: L’eremo di Santa Caterina del Sasso – My Life in Trek

  5. Pingback: Da HOTEL di lusso a COLLEGIO della tristezza – My Life in Trek

  6. Pingback: Istituto Padre Beccaro: da HOTEL di lusso a COLLEGIO della tristezza

  7. Pingback: Perché volare in parapendio se soffri di vertigini - My life in trek

  8. Pingback: 11 TRAVEL BLOGGER ITALIANE A CONFRONTO - My life in trek

Dì cosa ne pensi